Pubblicato da: carlociufelli | giugno 15, 2011

Un’Altra Sulmona è “sempre” possibile.

Ripropongo, senza alcuna modifica, l’introduzione del programma per Sulmona presentato dalla lista civica Un’Altra SULMONA è possibile alle elezioni municipali del 2008. Leggiamo o rileggiamo, e riflettiamo sulla situazione attuale della nostra povera Città.

INTRODUZIONE

Quando sei a un bivio e trovi una strada che va in su e una che va in giù, piglia quella che va in su. È più facile andare in discesa, ma alla fine ti trovi in un buco. A salire c’è speranza. È difficile, è un altro modo di vedere le cose, è una sfida, ti tiene all’erta”. TIZIANO TERZANI.

Quella di proporsi per il governo della nostra città per i prossimi cinque anni non è stata una decisione facile. L’analisi dell’esistente non è certo esaltante. Chi ha a cuore le sorti della nostra città non può non percepire con preoccupazione che da tempo i sentimenti più diffusi nei sulmonesi non sono certo sentimenti positivi. Demoralizzazione dopo tante delusioni; ripulsa nei confronti di una classe politica locale sempre più autoreferenziale, lontana dai bisogni della gente, e soprattutto di scarso peso nei confronti delle istituzioni regionali; assoluta sfiducia nei confronti di un modo di far politica basata su grandi promesse pre-elettorali regolarmente seguite poi dall’assoluto immobilismo determinato da guerre intestine. Se a questo aggiungiamo la consapevolezza di un futuro di difficoltà economiche sempre maggiori per tutti gli enti locali, l’arroccamento campanilistico di realtà più forti e da sempre privilegiate e che, tra l’altro, hanno anche il coraggio di farsi passare per boicottate, la crisi occupazionale di vasti settori produttivi, il quadro è assai tetro. Nonostante tutto ciò, il convincimento che sia possibile lavorare per una “rinascita” della nostra città, ci spinge ad una impresa difficile, ma assolutamente affascinante e non priva della concreta possibilità di risultati positivi. Dovremo, però, essere capaci, per una volta, di remare tutti nella stessa direzione, ed essere in grado di relegare ad elezioni non amministrative le divisioni “politiche”, ampiamente artificiose ed agitate intenzionalmente per scopi non sempre legittimi e comunque mai nell’interresse di Sulmona, con il risultato di dividere i Sulmonesi e distrarli da obiettivi conseguibili. Le uniche divisioni che accettiamo sono quelle tra onesti e disonesti e capaci ed incapaci e siccome riteniamo che nella nostra gente gli onesti ed i capaci sono la stragrande maggioranza, anche se troppo spesso marginalizzata, siamo certi di poter lavorare con tantissimi concittadini. Sarà indispensabile, nel nostro agire, avere la capacità di far tesoro delle esperienze passate (soprattutto per non ripeterle se negative) ed il coraggio di guardare avanti per riaffermare quelle grandi vocazioni secolari, ed a volte millenarie, che Sulmona possiede come davvero poche realtà. Un profondo e sostanziale cambiamento nei modi di pensare ed organizzare la vita della città è indispensabile: sono tantissimi i sulmonesi che lo pensano. Ed è proprio a tutti questi concittadini che ci rivolgiamo perché questa volta, tutti insieme, se vogliamo, possiamo cambiare. E’ giunto il momento di lavorare ad un grande progetto condiviso da tutti che possa impedire alla nostra città di essere definitivamente messa ai margini della vita regionale. Certo pretenderemo con ogni mezzo che Sulmona non venga trascurata dalle istituzioni regionali, né che venga penalizzata, come sciaguratamente troppo spesso è accaduto. Ma in primo luogo dovremo essere noi Sulmonesi a investire nella nostra città, senza attendere con il cappello in mano davanti ai tanti uffici dispensatori di risorse sempre più esigue. Non chiediamo quei privilegi che altri hanno avuto e continuano ad avere, ma non possiamo più accettare prevaricazioni. L’obiettivo che ci deve accomunare è quello di costruire un futuro di crescita e sviluppo della nostra comunità locale con attenzione particolare alla partecipazione attiva dei cittadini alle scelte amministrative: un nuovo modo di gestione municipale che dovrà garantire il coinvolgimento dei cittadini non solo nelle scelte importanti, ma anche nella individuazione delle priorità nella vita di tutti i giorni a partire da quelle del loro quartiere. E questo dovrà avvenire non a discapito della rapidità delle decisioni. Dovremo riuscire a dare efficienza alla Democrazia. In un discorso di rinnovamento, la questione morale è irrinunciabile, ed è al primo posto del nostro impegno. La riduzione dei costi della politica è uno dei nostri obiettivi principali (vedi allegato). Con la politica non ci si può e non ci si deve arricchire. Nostro obiettivo è l’opposizione al “sovvertimento etico” che ormai interessa non solo la politica, ma tutti gli aspetti della vita. Questo vuol dire anteporre gli interessi della comunità a quelli propri o della propria “clientela”, perché avere a cuore gli interessi della comunità vuol dire anche perseguire i propri interessi, ma con intelligenza ed onestà. Condividiamo gli stessi ideali di pace, di democrazia e libertà. Crediamo profondamente che ogni nostro atto debba fondarsi sulla difesa della dignità della persona, sulla tutela del più debole, sulle pari opportunità per tutti. Nel nostro operare quotidiano nessuno spazio, quindi, devono trovare il clientelismo, la prevalenza degli interessi personali, le ambiguità. Siamo fortemente convinti che la qualità della vita a Sulmona può essere di buon livello. E’ però necessario il nostro impegno, l’impegno di tutti i Sulmonesi. Oggi gli indicatori di benessere economico sono negativi, sono carenti gli standard di qualità urbana ed ambientale, come pure quel sistema di protezione sociale che si realizza attraverso un’efficace rete di servizi alla persona. Nei prossimi anni dobbiamo avere la capacità di elaborare progetti per le infrastrutture e per lo sviluppo economico del nostro territorio che non possono non passare attraverso la riqualificazione urbana e la tutela dell’ambiente. L’Europa offre non poche occasioni: dobbiamo essere in grado di coglierle. E dobbiamo saperci collegare a realtà ed a esperienze avanzate, spesso nemmeno lontanissime. Le trasformazioni legate al progresso tendono a rendere inospitali, se non peggio, le città. E questo soprattutto per le categorie più deboli: anziani, donne e bambini, malati e poveri. Rumore, incremento dell’inquinamento atmosferico, assenza di spazi e percorsi dedicati, aumento ormai fuori controllo dei rifiuti, traffico caotico e difficoltà di spostamento hanno messo in crisi il concetto di città come bene collettivo. Di conseguenza nella vita quotidiana delle città si sono affievoliti i valori le ragioni e le regole proprie della civile convivenza come avviene quando prendono il sopravvento le ragioni e le regole di un utilizzo preminentemente individuale della città. Dobbiamo imparare ad utilizzare le risorse che la nostra città possiede, investendo nella cultura intesa non solo come elemento di crescita civile della nostra comunità, ma anche come strumento per la creazione di opportunità di lavoro e come mezzo di attrazione di turismo di qualità. Non possiamo perdere di vista le problematiche legate alle difficoltà del nostro sistema sanitario, dove dobbiamo avere la grande capacità di individuare e perseguire veri obbiettivi, a garanzia della qualità delle prestazioni necessarie ai cittadini. Grande attenzione dobbiamo garantire alle politiche giovanili, alla diffusione delle attività sportive ed alla ricerca di stili di vita sani da perseguire a tutte le età. Per raggiungere questi risultati non è sufficiente soltanto una buona amministrazione comunale. E’ necessario un intenso ed appassionato lavoro di approfondimento e di confronto attraverso il quale il maggior numero di Sulmonesi, provenienti anche da esperienze assai diverse, riesce a mettere insieme le intelligenze e i cuori, ma anche le braccia, per concorrere alla costruzione di un comune miglior futuro per la nostra Città.

E’ una sfida che chi è ORGOGLIOSO DI ESSERE SULMONESE non può rifiutare. Un’altra Sulmona è possibile. Spetta a tutti noi realizzarla!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: